Banner
Home / LO SGUARDO CHE RACCONTA / "21x21. 21 artisti per il 21° secolo" - il comitato internazionale
Banner
 

IL COMITATO INTERNAZIONALE

Daniel Birnbaum

Daniel Birnbaum (1963, Svezia) è il rettore della Staedelschule di Francoforte sul Meno dal 2001 e l'attuale direttore della sezione artistica della Biennale di Venezia.

E' stato co-curatore della prima Biennale di Mosca (2005), di Airs de Paris al Centre Pompidou, di Uncertain States of America presso il Bard College (Annandale-on-Hudson, New York) e la Serpentine Gallery di Londra, nonchè co-curatore per la sezione internazionale della 50a Esposizione Internazionale d'Arte della Biennale di Venezia (2003).

Dal 2004 è curatore associato della spazio espositivo Magasin 3 di Stoccolma e nel 2008 ha curato la Triennale di Torino. Dal 1998 è redattore di Artforum, New York, e collabora regolarmente con altre riviste quali Parkett e Frieze. E' inoltre autore di numerose pubblicazioni e saggi per cataloghi in tutto il mondo.

Francesco Bonami

Nato a Firenze nel 1955, Francesco Bonami vive e lavora a New York dal 1987. È Direttore artistico della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo dal 1995. È stato recentemente nominato curatore della 75° Whitney Biennial of American Art che avrà luogo a New York nel 2010. Nel 2009 ha curato Mapping the studio, la mostra inaugurale del centro d’arte Punta della Dogana e la nuova esposizione di Palazzo Grassi.
Nel 2008 ha curato la mostra Italics. Arte italiana fra tradizione e rivoluzione, 1968-2008 organizzata da Palazzo Grassi in collaborazione con il Museum of Contemporary Art, Chicago. Dal 1999 al 2008, è stato Manilow Senior Curator del Museum of Contemporary Art di Chicago e, dal 2004 al 2008, direttore artistico del Centro di Arte Contemporanea Villa Manin di Codroipo (Udine). Nel 2003 è stato direttore della 50a Biennale di Arti Visive di Venezia.
Francesco Bonami è stato redattore di arte contemporanea per Domus e curatore della collana Supercontemporanea, edita da Electa. Scrive regolarmente editoriali per Il Riformista, Vanity Fair Italia, Panorama First, La Gazzetta dello Sport e il Corriere della Sera Firenze e collabora anche con altre pubblicazioni internazionali come The New York Times Magazine e Artforum.

Udo Kittelman

Udo Kittelmann (1958, Germania) è dal 2008 il direttore dei Musei Nazionali di Berlino (di cui fanno parte Alte Nationalgalerie, Neue Nationalgalerie, Friedrichswerdersche Kirche, Hamburger Bahnhof Museum für Gegenwart, Museum Berggruen e Scharf-Gerstenberg Collection di Charlottenburg).

È stato curatore presso istituzioni quali la Städtische Galerie im Lenbachhaus di Monaco, la Kunsthalle Innsbruck e la Salzburg Kunstverein. Nel 1993 è diventato direttore artistico del Kunstverein Ludwigsburg e l’anno seguente, direttore del Kölnischer Kunstverein di Colonia.

Come commissario del padiglione tedesco della 49a Biennale di Venezia, ha ricevuto il Leone d’Oro per il miglior contributo nazionale. Dal 2002 al 2008 è stato direttore del Museum für Moderne Kunst di Francoforte.

Nicholas Serota

Sir Nicholas Andrew Serota (1946, Inghilterra) è il direttore delle Tate Galleries dal 1988.

È stato direttore del Museum of Modern Art di Oxford (1973-76) e della Whitechapel Art Gallery di Londra (1976-88). Nel corso della direzione di Serota la Tate è stata protagonista di una vasta espansione: alla sede storica di Millbank a Londra fondata nel 1897 e a quella di Liverpool inaugurata nel 1988, si sono aggiunte nel 1993 la Tate St Ives a Cornwall, seguita nel 2000 dalla Tate Modern a Londra.

È in corso di realizzazione un progetto di ulteriore espansione che porterà nel 2012 all’apertura della sede di Tate Modern 2. Serota è stato anche membro del Visual Arts Advisory Committee of the British Council (1976-98) e Trustee dell’Architecture Foundation (1991-99).